Cronoscalata del Santuario 2016

CAMPIONATO ITALIANO VEL. SALITA AUTO STORICHE

LA CEFALÙ GIBILMANNA TEATRO DI SFIDE PER LA 6^ DEL TRICOLORE AUTOSTORICHE DELLA MONTAGNA
109 gli equipaggi iscritti alla cronoscalata del Santuario in programma questo fine

settimana tra la “perla del Tirreno” ed il santuario che domina la città. Folta la schiera dei drivers siciliani e delle vetture moderne

Con 109 equipaggi iscritti la sesta prova stagionale del Campionato Italiano Velocità Salita Auto Storiche che animerà Cefalù da domani (venerdì 24 a domenica 26 Giugno), si preannuncia oltremodo combattuta specie se vetture e piloti saranno impegnati su un percorso tecnico e impegnativo quale quello della Cefalù Gibilmanna. La nota gara siciliana dal glorioso passato con titolazioni italiane ed addirittura europee ripropone il leggendario percorso su 11,8 Km, che si arrampicano fino al noto Santuario sulle Madonie.

La competizione organizzata dal comitato cefaludese “I Normanni” in collaborazione con l’Automobile Club Palermo, sarà anche la seconda prova della Coppa Abarth Classiche, riservata alle auto del prestigioso marchio da corsa dello Scorpione. Testimonial del monomarca è il celebre driver comasco Arturo Merzario, l’inossidabile campione vincitore della Targa Florio nel 1972 e 1975. Il programma prevede le verifiche tecniche e sportive per le giornate di venerdì e sabato mattina allestite presso il motorvillage al lungomare di Cefalù dalle ore 8.30 alle 12.30, mentre sabato le due sessioni di prove ufficiali a partire dalle ore 14.00. Domenica a partire dalle ore 9.00 prevista una parata dinamica di vetture di particolare prestigio dei marchi Ferrari, Lancia, Afa Romeo e Porsche. Alle ore 10.00 il direttore di gara Marco Cascino darà il via per la manche secca di gara cui saranno presenti non solo i protagonisti del tricolore ma anche gli agguerriti drivers siciliani che saranno tra i sicuri protagonisti data la buona conoscenza del percorso.

In 4. Raggruppamento il portacolori della Bologna Squadra Corse Piero Lottini su Osella PA 9/90 dovrà vedersela con l’idolo di casa il cerdese Totò Riolo che torna al volante della spettacolare biposto del costruttore austriaco Stenger per i colori della scuderia CST Sport. Ma la schiera dei pretendenti all’ipotetica assoluta ed alla sicura testa del 4.Raggruppamento vede altri autorevoli siciliani quali l’esperto Gaetano Gioè su Lucchini V6 OHC a difendere i colori della Aspas

insieme all’altro gentleman driver palermitano Manlio Munafò su Lucchini SN 89 che si sfideranno tra le 2500 cc, mentre tra le 3 litri il portacolori della Valdesia Classic Andrea Pezzani sulla fida Lucchini Sport BC dovrà vedersela con il siciliano Sebastiano Fisichella su Lucchini SN 87 per i colori della Scuderia Targa Florio. Ancora tra le sport poi Ciro e Andrea Barbaccia rispettivamente su Osella PA 6/90 e Paganucci vorranno certamente apporre il loro sigillo nella prestigiosa cronoscalata del Santuario.

In 1. Raggruppamento il toscano Tiberio Nocentini sulla agile Chevron B19 con motore Cosworth viaggerà verso positiva affermazione in classe BC 2000. Mentre tra le lady sarà in gara la ligure in grande spolvero per il tricolore Gina Colotto su Fiat Abarth SE 033 Formula.

Tra le Sport del 3. Raggruppamento il campano Gennaro Ventriglia dovrà battagliare non poco per conquistare la testa tra le Silhouette 1600 con la bella Fiat X19 della Scuderia Vesuvio, avendo allo start driver del calibro di Michele Piazza o Leonardo Cristadoro, siciliani coriacei su vetture gemelle. Ancora in Silhouette presenti Filadelfio Bulla e Salvatore Caristi rispettivamente s Fiat 128 Coupè 1100 cc e Fiat 128 Berlina 1300 cc. A proposito di siciliani, quello del 3. Raggruppamento si presenta come il terreno di scontro privilegiato tra i gentleman driver palermitani affezionati Porsche soprattutto nel gruppo GTS oltre 2500 cc dove sono presenti tutti i protagonisti della appena archiviata Targa Florio, da Pino Bellomare della Pegaso Palermo a Girolamo Cutrone dell’ASPAS, da Natale Mannino della Festina Lente a Pietro Vazzana, tutti su 911 SC insieme a Sandro Filippone alfiere TAC Motorsport.

Tra le GT di 2. Raggruppamento il modenese Giuliano Palmieri si presenterà in Sicilia con la Porsche Carrera RS sempre per i colori della Scuderia Bologna Squadra Corse. Ad insidiarlo ci penseranno l’imprenditore palermitano Matteo Adragna su Porsche 911 RS del Team Italia e l’esperto gentleman driver Claudio La Franca su Carrera RS. Tra le GTS 2000 vorrà dire la sua lo scalatore nisseno Angelo Contino che si presenta come sempre sulla ammiratissima Alpine A310 della Pegaso Palermo. Per la classe TC 2000 Salvatore Asta sempre protagonista con la BMW 2002, tenterà la rimonta in campionato data anche l’assenza del diretto rivale Fosco Zambelli. Ancora dalla Sicilia in classe TC 1300 Vincenzo e Giacomo Barone cercheranno altri punti utili con le loro Fiat 128, con cui il primo è leader di classe.

Anche il 1. Raggruppamento si presenta come teatro di scontro privilegiato tra gli esperti siciliani. Ad aprire le ostilità in TC 1300 ci penserà il nisseno Marcello Certisi sempre sulla fida Mini Cooper S della Scuderia Etna che dovrà vedersela tra gli altri con il palermitano Salvatore Limuti su vettura gemella, poi tra le TC 2000 si ripresenterano le sfide della Targa Florio quelle cioè tra i driver delle vetture bavaresi Pierluigi Fullone e Antonio Pizza, mentre in GTS 2000 spererà di viaggiare su una gara asciutta l’imprenditore nisseno della Island Motorsport Francesco Branciforti su Porsche 911 S che dovrà vedersela con Alessandro Failla e Giovanni Filippone sempre su Porsche.

Ottimi i riscontri di gradimento anche da parte dei piloti su vetture moderne, dal caccamese Gianfilippo Quintino che mette da parte la GTV per presentarsi con la Citroen Saxo VTS tra le Gruppo A 1600, al cerdese figlio d’arte Ernesto Riolo che sarà allo start sulla Peugeot 106 Kit per i colori della CST Sport nella stessa classe dove vorrà dire la sua anche l’esperto rallista madonita Filippo Vara su Renault Clio S 1.6 a difendere i colori della scuderia messinese New Turbomark. Tra gli iscritti anche il noto rallista di lungo corso Antonio Stagno al via su Porsche 997 in gruppo GT sotto le insegne della Island Motorsport. Poi ancora uno dei protagonisti della passata edizione, ovvero il driver di Termini Imerese Antonino Rotolo sempre sulla Formula Gloria CP8 motorizzata Suzuky della SGB Rallye e ancora l’esperto palermitano Angelo Miccichè su Formula Gloria B5 della Pegaso ed il portacolori della Festina Lente Dino Blunda su Speed RM 08.

CAMPIOVELNATO ITALIANO 
cefalù gibilmanna 2016